Caro Luke

Non lo dire a nessuno Luke, ma alcuni mesi fa mi ero rimessa a rivedere dei video su youtube, cercando “Dylan e Brenda” e rovistando tra gli episodi. Volevo rivedere quelle scene che mi avevo segnato fin da piccola.

E’ da quando ho visto Beverly Hills che ogni tanto rido di me stessa e dico, madonna con ‘ste coppiette, sono fissata come la mania di “dylanebrenda“. Perchè ogni tanto mi ossessiono per le coppie che devono rimanere insieme ancora oggi, nei film o serie tv o la vita reale, esattamente come facevo per voi. Tifavo per voi come se foste della mia famiglia, e Brenda fosse mia cugina.

E l’album di figurine,

e la maglietta,

e i poster,

e gli schieramenti tra chi vuole Dylan e Brenda o Dylan e Kelly.

I “quaderni” decorati che facevamo, le foto che ritagliavo dai giornali finivano tutte lì, a metà tra un serial killer e un notaio. Perfino il gelato Luke, attenzione…quando lo compravamo era per Luke Perry.

Accidenti a te, ero veramente contenta quando ho saputo che eri nel film di Tarantino: speravo fosse un nuovo inizio e che ci potesse accorgere che bravo attore sei sempre stato.

Io non so davvero se  ho perso come un pezzo di me, o dei miei sogni e speranze, e ho sempre parlato di te anche in questi anni come se fossi un punto di riferimento importante, come fanno le vere “stelle”, come le definizioni antiche, quando marcano una generazione.  I veri James Dean.

Non eri la mia prima cotta. Ma sei stata “la cotta” quella seria, che brucia sul serio.

Sarai per sempre quello che si aspetta, con la sua moto.

E poi ti chiedi perchè mi piacciono le moto: spero sempre che arrivi tu.

 

con una delle voci più belle che abbia mai sentito.

Quella di un ragazzo. Adoro.

Ti adoro.

Buon viaggio.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: