Archivio per sex and the city

“il mio equivalente emotivo del crollo del ’29” e Chris del mattino…

Posted in Senza categoria with tags , , , , , , , , , , , , , on 17 novembre 2010 by catcher in the rye

anochece (que no es poco)
ebbene si…scelgo questa notte per aggiornare tutto. e per cominciare qualcosa di nuovo, se possibile…anche se le mie vene pulsano sangue bollente in questo momento…e ogni fibra del mio corpo dice “ma sei sicura?…tanto poi torna, torna…quando hai la guardia abbassata….torna….“il mio equivalente emotivo del crollo del ’29“….
no…deve esserlo.
questa sera tornavo a piedi per il paseo de los tristes…e pensavo che sono 48 giorni “away from home”. 48 mila passi lontano da casa. non ero mai stata via così a lungo. e in un certo senso ho finalmente superato le mie colonne d’ercole. calpe quest’anno, erano state 6 settimane.
insomma vorrà pur dire qualcosa…o no?  lo farò diventare io qualcosa.
pensavo che decisamente….sono troppi anni. troppo tempo. troppi…pianti. ho pianto troppo, pure qui…seppur credendoci sempre. l’unica cosa che abbia veramente creduto e sentito in vita mia. come bere l’acqua e pensare…(perchè è così quando capita. è contro il tuo cervello,..e la tua voglia di mangiare o di dormire….ed è solo il tuo corpo, che va da solo)

e credo mi dispiacerà ripensarmi così, se avrò la fortuna di diventare vecchia e ricordarmi di me. tristissima. perchè è stata una vera montagna russa fin qui. e un’altra discesa simile alla ultima, credo, non la reggerei.

e vorrei smettere di piangere definitivamente. almeno, per “questo” motivo. così vorrei che per una volta le parole avessero la forza di condizionare le situazioni e le emozioni, e i pensieri. e segnassero un limite anche nella realtà.  perchè niente ha mai funzionato in questo caso, niente mi ha mai consolata, niente mi ha mai fatto perdere quel senso di smarrimento. ti prego ti prego ti prego…questa volta, fa’ che funzioni. please please pleaselet me get what i want this time….
credo sia un prodigio della natura poter volere così bene a qualcuno, e pensare di poter urlare che quelle parole “how wonderful life is now you’re in the world“, sono vere, è quasi bello. già, quando ci sei…sono vere. sono anni che lo ripeto. e sono felice di essere passata anche per di lì. e anche se quello che vedo davanti a me…è come il bosco che circonda la alhambra (nero, non si vede la fine, nemmeno si capisce bene cosa copra, fin dove arrivi, e di sera mi fa il doppio della paura che mi fa alla mattina….), io non so dove porta, proprio perchè non lo conosco. e forse è il momento di imboccarlo. e di esplorarlo. anche se non ho mai il coraggio di lasciare ciò che ho alle spalle per paura che non torni più.

forse è giunta l’ora che non torni più.

e quello che non conosco non posso giudicarlo prima del tempo…e non può essere del tutto peggio, del tutto orribile, del tutto negativo, come sembra da qui. magari c’è nascosta una alhambra e io non lo so. (seh… oppure sono io la alhambra, il futuro è la tirannia degli uomini malvagi e voi siete il pastore, …e l’uomo timorato??? dio ma quante cazze di volte ho visto pulp fiction? mi risalgono i dialoghi come la peperonata…)

comunque…

sono qui. sono viva. sto bene. vivo qui. e anche se le cose sono difficili…in qualche modo sopravviverò. la cosa più difficile sarà sopravvivere al mio cuore, che guida la mia testa…(quanto lavoro le dò ogni giorno..nessuno lo saprà mai).

ma ci proviamo. d’ora in poi. seriamente. e tutti i ritorni, tutte le saghe infinite, le scuse, i pentimenti superficiali e fittizi, (o forse dettati solo dalla mia mente che legge nella maniera sbagliata o inventa),…tutte le volte che qualcuno si volterà indietro a vedere che fine ho fatto…spero che reagirò in maniera diversa. in fondo…non importa più ormai. non importa più.

Indiana,…Indiana: lascialo lì dov’è.

 

e sono coincidenze. però pure l’internazionale e Bob dicono che devo fara un falò della vecchia me, con cui nutrire quella nuova. come se la verità fosse sempre rimasta nascosta, e per farla venire fuori fosse necessario far morire ciò che c’era prima. come diceva Aristotele, in effetti. potenza e atto.

come fa la fenice.

“Avec mes souvenirs…J’ai allumé le feu…”

e poi c’è Iaia che mi ricorda Chris del mattino:

Well, you know the way I see it, if you’re here for four more years or four more weeks, you’re here right now. You know, and I think when you’re somewhere you ought to be there, and because it’s not about how long you stay in a place. It’s about what you do while you’re there, and when you go is …that place any better for you having… been there?

e poi c’è reflecting light di sam philips che ascoltavo mille volte al pc di Iaia in mansarda a isola rizza…che rileggendo il blog ho ricordato….

e mi viene in mente com’è l’autunno a casa, (tra le mie cose, le mie donne, dove era l’Asi…) che mi manca così tanto, …tanto, che ha più senso viverlo qui l’autunno, vederlo da qui, “vestito di una nuova forma”, per ricordarlo meglio. per ricordare casa.

quindi vale davvero la pena. essere qui. in tutti i sensi.

mucha suerte a todos….un abbraccio e buon autunno.
mi granaino...

Annunci

about sex and the city…and about ME….

Posted in Senza categoria with tags , , , , , on 3 giugno 2009 by catcher in the rye
“Gli uomini sono come i taxi: quando sono disponibili la luce si accende. La prima che incontrano.. la sposano.” (Miranda) 

Forse sono i nostri errori a determinare il nostro destino. Senza
quelli che senso avrebbe la nostra vita… Probabilmente se non
cambiassimo mai strada non potremmo innamorarci, avere un figlio,
essere ciò che siamo… Del resto le stagioni cambiano, e così pure le
città. La gente entra nella tua vita e poi ne esce, ma è confortante
sapere che coloro che ami rimangono per sempre impressi nel tuo cuore. (Carrie)

Puoi dire ad un uomo ti odio e farci una grandiosa scopata. Prova a dirgli ti amo e non lo vedrai più. (Samantha)

Lui se ne andò… ed io piansi per una settimana. Poi capii che ce l’ho
la fede. Fede in me stessa. Fede che un giorno incontrerò qualcuno
sicuro che sono io quella giusta. (Carrie)

Se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è. (Samantha)

Avevo mai amato Big o era solo dipendenza da dolore? Lo squisito dolore di volere qualcuno inaccessibile. (Carrie)

Ed eccolo lì, davanti a me. Il mio equivalente emotivo del crollo del ’29. (Carrie)


  • Le regole del lasciarsi:

1. Distruggere tutte le foto dove lui ha un’aria sexy e tu sembri felice.

2. Mentire. È più facile che ammettere la realtà delle cose.

3. Finché non si è emotivamente stabili non mettere piede nei negozi.

4. Non smettere di pensare a lui neanche per un momento perché è proprio in quel momento che lui apparirà.

5. La più importante di tutte. Non conta chi ti ha spezzato il cuore
o quanto ci vuole per guarire, non ce la farai mai senza le tue amiche.